Durata
Mezza giornata
Località
Laghi di Lamar
Data
Dom 4 giugno
Pensato per
Tutti

L’Abisso di Lamar è una sorprendente grotta che discende al di sotto delle acque del lago e s’insinua dentro la montagna. Percorrendo la strada scavata nel tempo dall’acqua, scopriremo un mondo sotterraneo architettato da gocce, calcare e roccia. Con la possibilità di incontrare qualche raro abitante di questi posti oscuri.

L’Abisso di Lamar è una nota grotta trentina il cui ingresso si raggiunge da un breve sentiero che parte dall’omonimo lago. Questa grotta raggiunge una profondità di -380m dall’ingresso e si inserisce nel rilievo dei Dossi Alti, fra la Paganella e la Val d’Adige. L’abisso, di grande verticalità, è caratterizzato principalmente da salti collegati da brevi meandri ed il suo tratto iniziale è percorribile in completa sicurezza grazie all’aiuto di una guida speleologica dotata di attrezzatura adeguata alla discesa.

Sarà così possibile ammirare le meraviglie del carsismo, fenomeno naturale per cui l’acqua, in un incessante lavorio scava e deposita sotto ai nostri piedi, dando origine a concrezioni ed altre forme che sembrano aver ispirato artisti surrealisti come Gaudì. Non è insolito incontrare anche qualche chirottero che viene a passare le sue giornate nel fresco ambiente della grotta. La grotta di Lamar è un’ottima opportunità per introdursi alla speleologia in completa sicurezza: il percorso, caratterizzato da passaggi tecnicamente semplici se affrontati con il supporto della guida, è ricco di meraviglie sotterranee estranee alla superficie.

Insieme alla naturalista Chiara Trevisin, sarà presente Renzo Gaiti, guida speleologica autorizzata per l’accompagnamento in grotta.

Ritrovo Ore 8.30 Pizzeria Bar a Tre Faggi, Str. dei Laghi di Lamar, 31, 38070 Terlago TN
Come arrivare Imboccare in direzione sud-ovest la strada che, attraverso la Valle dei Laghi, conduce fino a Riva del Garda. Si procede in direzione del lago di Lamar , oltrepassando Cadine, Terlago e Monte Terlago. Le indicazioni stradali sono facilmente visibili, dirigendosi verso il lago omonimo
Cosa indossare Scarponcini da trekking, pantaloni lunghi, pile di media pesantezza, giacca impermeabile, guanti da lavoro. Gli indumenti sono a rischio di strappo, portare preferibilmente cose robuste
Cosa portare Un ricambio asciutto, acqua in bottigliette di plastica (le borracce possono ammaccarsi), cibo da escursione (barrette..)
Incluso
Organizzazione, escursione guidata dal naturalista, accompagnamento in sicurezza su sentiero, attrezzatura necessaria per grotta (caschetto, imbrago)

 

Non incluso
Pranzo facoltativo ai tre Faggi
Durata 10 minuti per raggiungere l’ingresso di grotta, 3-4 ore il percorso all’interno della grotta
Dislivello -60 m. dall’ingresso
Difficoltà Medio/facile con supporto guida speleologica
Partecipanti Gruppi con minimo 4 persone e massimo 12
Consigliato per Adulti e ragazzi sopra i 10 anni. Per i ragazzi tra i 10 e i 14 anni il costo è scontato a 62 euro
Animali Non ammessi
In caso di forti precipitazioni Attività fattibile con lievi precipitazioni
Note Sarà presente una guida specializzata per l’accompagnamento speleologico

 

chiaraMi chiamo Chiara Trevisin, sono una naturalista che da sette anni si occupa di divulgazione ed educazione ambientale in Trentino. Laureata in Scienze Naturali e specializzata in comunicazione ambientale, fin da subito ho indirizzato la mia carriera nel campo della divulgazione scientifica, collaborando con testate di quotidiani, musei ed altri enti pubblici. Lavorare a stretto contatto con il pubblico e trasmettere loro la mia passione è ciò che mi da più soddisfazione: come mi disse una ragazza una volta dopo un incontro “pensavo che queste cose fossero noiose, ma spiegate come lo fa lei, sono proprio belle”. Dal mio arrivo in Trentino nel 2010, collaboro con realtà che curano la divulgazione ambientale e soprattutto con il Museo delle Scienze di Trento, dove mi sono specializzata su grandi carnivori e astronomia. Le mie passioni mi hanno portato a far parte dell’Associazione Sky Islands, un team di ricercatori e divulgatori attivo a Trento nel campo dell’esplorazione e della ricerca naturalistica.

renzo-gaitiMi chiamo Renzo Gaiti sono nato a Bergamo e mi occupo di speleologia e canyoning da oltre 15 anni. Sono membro del soccorso alpino e speleologico ed ho l’attestato di guida di speleologia e torrentismo. Il titolo di Guida Speleologica  mi rende un professionista in grado di far raggiungere e di far percorrere il mondo ipogeo e l’ambiente dei canyon in sicurezza. Oltre ad escursioni di vari gradi di difficoltà, organizzo interventi didattici di introduzione ed educazione all’ambiente carsico e, superficiale e sotterraneo, presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, enti, associazioni o privati che intendono conoscere più approfonditamente e vivere da vicino i diversi aspetti che caratterizzano il vasto panorama speleologico.

Il lago di Lamar si trova ad una ventina di minuti da Trento, imboccando la strada che entra nel bus dela Vela e seguendo prima per Terlago e poi per Monte Terlago, finchè non si trovano indicazioni stradali per i laghi di Lamar.

grotte-trentino-abisso-di-lamar
abisso-di-lamar-grotte
grotta-abisso-di-lamar
abisso-di-lamar-grotte-trentino
grotte-trentino-abisso-di-lamar