In giornata

 

Le attività di giornata di Ambiente Trentino sono esperienze che non comprendono il pernottamento.
Possono durare poche ore o impegnarti per un’intera giornata. Sono interessanti per quei viaggiatori che dispongono già di un alloggio in Trentino e che desiderano vivere un’esperienza particolare ricorrendo alla competenza dei nostri esperti. Ma anche per gli stessi trentini che hanno voglia di scoprire nuovi angoli del proprio territorio.

 

castagneto-valsugana-Simonini

Castagne che bontà: laboratorio culinario in Valsugana

Un'esperienza dedicata alla castagna, il frutto dell'autunno per eccellenza. Dai campi coltivati ci sposteremo in cucina per imparare a trasformare questo prodotto locale in una delizia per il palato!  Conosceremo da vicino i castagneti della conca di Torcegno, zona soleggiata e tranquilla del Trentino, dove sembra che il tempo si sia fermato. Si ammireranno gli splendidi castagni secolari, frutto di un legame e di una cura secolare degli abitanti della zona per questo territorio e per questa straordinaria pianta. Approfondiremo le sue origini e le motivazioni per cui è arrivata in Trentino e in particolare nella zona di Torcegno con la guida Linda Martinello. Potremo poi sperimentare l'utilizzo dei suoi frutti prelibati in cucina. Con l'aiuto del signor Luigino, ristoratore e castanicoltore della zona, prepareremo un primo piatto e una selezione di dolci a base di castagne e termineremo la giornata con l'assaggio di quanto prodotto dalle nostre mani. Ritrovo Ore 15.30 presso l'Albergo ristorante “Negritella”, Frazione Campestrini 24, Torcegno - Tn Come arrivare Provenendo da Trento, prendere l'uscita SS 47 per Borgo Valsugana, seguire le indicazioni per Passo Manghen fino a Telve e da lì proseguire per Torcegno. Da Bassano del Grappa, SS 47 uscita Castelnuovo.  Seguire le indicazioni per Passo Manghen fino a Telve e da lì proseguire per Torcegno Cosa portare Un grembiule Incluso Organizzazione, laboratorio culinario guidato, cena con quanto prodotto nel corso del laboratorio culinario Non incluso Tutto quanto non sia scritto sopra Durata Mezza giornata: dalle 15.30 alle 21.00 circa Pensato per Adulti Per approfondire Katia Brentani, Cuor di castagna, Damster, 2011 Orietta
a persona
Mezza giornata
Torcegno, Valsugana
Sabato 4 novembre
lasteati_laghi_lagorai

Geotrekking fotografico sul Lagorai

Il Geotrekking di appunti fotografici è un cammino esplorativo di una giornata, alla scoperta della magica conca dei laghetti Lasteati sulla catena del Lagorai, guidati dall’esperienza di un naturalista che è anche fotografo. Le cime del Lagorai custodiscono un patrimonio di bellezza paesaggistica e un tesoro di biodiversità che sono il frutto di una singolare e lunghissima vicenda naturale, talvolta drammaticamente intrecciata con le vicende storiche degli uomini che se ne sono contesi il possesso. Le rocce magmatiche della catena, dai caratteristici colori rossastro e violaceo, sono compatte e impermeabili all’acqua che non penetra e resta in superficie creando ovunque rigagnoli e cascatelle oppure si raccoglie in laghi dalla purezza cristallina che sono uno scrigno di biodiversità. Le zone umide traboccano di vita animale e l’autunno delle specie vegetali a questa quota è fatto di colori saturi oltre l'immaginabile. La fotografia di paesaggio in montagna è molto praticata, ma è un genere esigente e non facile: capita frequentemente che il camminatore/fotografo si scontri con la difficoltà di realizzare un’immagine che restituisca la maestosità, la ricchezza di vita, la vastità e la complessità dell'ambiente d'alta quota. Per non mancare il suggestivo "appuntamento con la luce" è necessario conoscere i sentieri, saper calcolare la lunghezza delle tappe e delle soste, avere esperienza e famigliarità con il territorio. Avvicinare la montagna da questa prospettiva è un desiderio di molti, e con un po' di metodo e un pizzico di fortuna può essere un’attività davvero appagante. Il percorso: Dal ponte di Conseria saliamo al rifugio Malga Conseria, poi
a persona
Una giornata
Val Campelle, Passo 5 croci – Valsugana
Sabato 18 novembre
grotta_bus_del_diaol_Dro_trentino
Date aperte

Visita le più belle grotte trentine

Gocce d'acqua, calcare e roccia costruiscono un mondo sotterraneo di grotte e caverne pieno di vita e di forme meravigliose. Insieme alla naturalista Chiara Trevisin e alla guida speleologica Renzo Gaiti avremo la possibilità di entrare in quattro diverse grotte trentine: Bus del Diaol o Grotta del Patone, Dro, Alto Garda Grotta Cesare Battisti, Paganella (val Trementina) Grotta del Calgeron o G.B. Trener, Grigno, Valsugana Abisso di Lamar, laghi di Lamar, Terlago, Valle dei Laghi Leggi i particolari riportati di seguito, scegli quale tra le quattro grotte può interessarti di più! Esperienza organizzabile ad hoc per gruppi. Per qualsiasi informazione contattateci al numero 348 0176732. 1. Il Bus del Diaol o Grotta del Patone è sicuramente, dal punto di vista storico, una delle grotte più interessanti del Trentino e una delle prime ad essere rilevata. La grotta presenta vari sifoni ed ha visto il susseguirsi di numerose esplorazioni, per opera di gruppi locali. L’avvicinamento si articola in un ripido ma breve sentiero che percorre una marcata valletta. Dall’ampio ingresso, quota 225 m.s.l.m., si discende in mezzo a grossi blocchi per arrivare, attraversando un restringimento, alla galleria principale. Si procede poi per salette caratterizzate da particolari concrezioni fino al sifone di sabbia principale oltre al quale l'ambiente diventa più ampio. La progressione non presenta particolari difficoltà tecniche. Costo 77 euro. 62 euro per i ragazzi tra i 10 e i 14 anni Ritrovo Alfio ristorante pizzeria Bar, Strada Gardesana Occidentale 7/B, Dro (TN) Cosa indossare Scarponcini da trekking, pantaloni lunghi, pile di media pesantezza,
a persona
Mezza giornata, Una giornata
Adulti, Ragazzi
marocche-dro-musica-di-notte

Walking on the moon: ascoltare musica di notte alle Marocche di Dro

Walking on the moon è una tappa del format Oscurarsi / illuminarsi ideato da Emanuele Quindici. Un'esperienza "musicambolica" che prevede un percorso notturno da eseguire in gruppo, nella completa oscurità, all'ascolto di una stessa musica. Un ascolto sincronizzato individuale, con cuffie e dispositivi personali, ma vissuto collettivamente. La luna piena sopra di noi e un'altra, immaginaria, sotto i nostri piedi: è il Biotopo Marocche di Dro, la più grande frana delle Alpi, uno scenario unico, quasi irreale, una montagna che si è sgretolata a valle, seppellendo, secondo le leggende, storie e villaggi. I partecipanti attraverseranno il buio affidando le proprie emozioni alla guida di Alberto Stinghen, che le condurrà per circa un'ora e venti dentro alla musica sito-specifica e dentro l'ambientazione naturale notturna, dove il buio diviene un "punto di non-vista", dove l'abbandono alla musica e la fiducia completa verso chi ci precede in cordata suppliscono alla mancanza del pieno conforto visivo. Un'esperienza individuale, da vivere simultaneamente ai "compagni di cordata". La musica di Walking on the Moon è una raffinata selezione di elettronica strumentale degli ultimi venti anni, con un'attenzione speciale al suono degli anni '90. Per qualsiasi informazione contattateci al numero 348 0176732. Ritrovo Ore 20.30 nel parcheggio destinato all'accesso sud del Biotopo Marocche di Dro, lungo la SP84 che porta al paese di Drena Cosa indossare Calzature idonee per percorrere un sentiero di montagna. È necessario avere un abbigliamento adatto alle temperature serali Cosa portare Ogni partecipante dovrà avere un dispositivo per riprodurre file in formato mp3 con cuffie e verificare per tempo il corretto
a persona
Meno di 3 ore
Biotopo Marocche di Dro
Venerdì 3 novembre