Più giorni

Qui troverete una varietà di esperienze che prevedono il pernottamento in strutture selezionate di una o più notti.
Pensate per chi desidera trascorrere il proprio tempo libero in modo originale e diverso, mettendo al primo posto la conoscenza della natura e dei territori.

 

marmotta-giulio-montini
Date aperte

Vivi l’emozione degli animali selvatici

Un week end in cammino nel paesaggio alpino della Val di Peio - tra boschi di abete rosso, pascoli e rocce di alta quota - per conoscere meglio e vedere più da vicino gli animali selvatici che abitano questi luoghi, facendo sempre attenzione a non disturbare. Accompagnati dalla guida del Parco nazionale dello Stelvio Ivan Callovi, sarà più facile avvistare cervi, caprioli, marmotte, camosci e aquile reali e acquisire nuove informazioni su queste magnifiche specie. La notte in un bivacco a 2.106 metri di quota è come la ciliegina su una torta in questa esperienza di vera e propria "wildlife". Partiremo a piedi dal parcheggio di Malga Frattasecca (1.570 m.s.l.m.) per raggiungere Malga Paludei  (2.106 m.s.l.m.). Lungo il percorso si attraverseranno per primi i boschi di abete rosso e larice, dimora di cervi e caprioli, ma popolata anche dai tipici abitanti dei boschi alpini come i picidi, i sciuridi e in particolare i tetraonini quali il gallo cedrone. Nella parte superiore, in prossimità della Malga Paludei, si aprono le praterie alpine dove è facile scorgere la presenza delle marmotte. Trascorreremo la notte a Malga Paludei, un bivacco molto spartano ricavato dallo stallone della malga, recentemente sistemato dal Parco dello Stelvio. La struttura sorge su un dosso panoramico nella parte più interna della Val del Monte, una laterale della Val di Peio, in un campivolo tuttora utilizzato per il pascolo dei bovini. Il mattino successivo partiremo da Malga Paludei percorrendo il sentiero della fauna e saliremo lasciandosi alle spalle gli ultimi lembi del bosco di alta
a persona
2 giorni
Parco nazionale dello Stelvio, Val di Peio
Tutti
Date aperte

Weekend di storia e stelle sul Monte Zugna

Un weekend di emozioni autunnali sul monte Zugna, immersi nei boschi, nella storia che questo luogo custodisce e nell'esperienza dell'osservazione astronomica. Nella prima giornata trekking attraverso trincee e camminamenti della Prima Guerra Mondiale, lungo i quali incontreremo postazioni di artiglieria, trincee, cimiteri militari, crateri di colpi d'artiglieria e sistemi di gallerie. Sia l'esercito austroungarico che quello italiano considerarono il territorio del Monte Zugna come prima linea: proprio nel punto di ritrovo potremo osservare entrambi gli avamposti e la cosiddetta "terra di nessuno". Arriveremo al rifugio Monte Zugna giusto in tempo per goderci la spettacolare vista al tramonto e dove ci potremo riscaldare e riposare prima di tuffarci nel cielo stellato. Grazie al potente telescopio dell'osservatorio vicino, ammireremo le stelle  e ascolteremo gli approfondimenti degli esperti del Museo Civico di Rovereto. Subito dopo, cena e pernottamento in rifugio! Domenica saliremo sulla cima Zugna per sentieri nascosti e scenderemo per un nuovo percorso, osservando la montagna da un punto di vista naturalistico e geologico, compiendo un giro ad anello. Esperienza organizzabile ad hoc per gruppi. Per qualsiasi informazione contattateci al numero 348 0176732. Cosa indossare Abbigliamento adatto ad escursioni autunnali, quando le temperature cominciano ad abbassarsi Cosa portare Indumenti per la notte e sacco lenzuolo Incluso Organizzazione, accompagnamento sui sentieri, attività di osservazione delle stelle con il Museo Civico e mezza pensione al rifugio Monte Zugna   Non incluso Bevande e il pranzo della domenica Ore di cammino Il sabato 2/3  ore, fino al Rifugio; la domenica circa 4/5 ore Dislivello Il sabato: 4 km
a persona
2 giorni
Monte Zugna
Tutti