di Gino Ruffini   Rileggendo Gioseffo Pinamonti (1783-1848). Bisogna ripercorrere i tempi, ricalcare impronte, osservare attentamente intorno, per conoscere e capire. Cosi si procedeva, già sul finire del 1700, dimostrando che :“…Solo scostandosi dai luoghi più frequentati si può giudicare dei costumi di un popolo, e distinguere ciò che è

 di Enrico Rossi A lungo andare certi luoghi finiscono per incarnare ai nostri occhi la funzione che abbiamo assegnato loro – nel tempo questa messa in scena sedimenta nelle nostre percezioni più profonde e remote. Nasce così quello che chiamiamo lo spirito del luogo: la sua essenza, per noi. Entrando

di Gino Ruffini Le parlate cambiano. L’uso le modifica. Vi proponiamo una riflessione sul caso del Nònes o Noneso; ma anche Anaunico, oppure Nonese, che del Ladino costituirebbe una variante. Un’occasione per richiamare la memoria, stimolare la curiosità, riflettere sul possibile divenire delle lingue e dei dialetti. Molto si è

di Lara Zavatteri La Val di Bresimo, una delle vallate più selvagge del Trentino, si trova all’estremo nord-ovest della Val di Non, nella catena delle Maddalene. Le frazioni di Bevia, Bagni, Baselga e Fontana costituiscono assieme il Comune di Bresimo, posto a cavallo tra la Val di Non e la

di Lara Zavatteri In val Saent, a Rabbi in val di Sole, una suggestiva scalinata conduce al cospetto di 23 insoliti patriarchi vegetali, da scoprire all’interno del Parco nazionale dello Stelvio. Diciamolo subito: si chiama scalinata non a caso. Per avvicinarsi agli alberi ultracentenari è necessario infatti percorrere un itinerario fatto

di Francesca Zanini Da Bolentina, frazione spopolata di Malè, si gode un panorama unico e si respira la storia solandra. Percorrendo la strada statale che porta verso l’alta Val di Sole, nel tratto tra Malè e Monclassico, non si può non gettare l’occhio a una chiesetta isolata e arroccata sulle

di Sofia Brigadoi “La ricerca della perfezione è l’elemento dominante che mi spinge a proseguire lungo la strada di una continua evoluzione artistica, per riuscire a comunicare sempre maggiore felicità”. Intervista a David John Morse, liutaio californiano, innamorato della perfezione e degli abeti rossi di Fiemme e Fassa.

di Floriano Menapace La mostra Acquaenergia, aperta, dal 9 maggio al 15 giugno, a Trento in piazza della Mostra, e il suo ponderoso catalogo, curati da Angelo Longo e Claudio Visintainer, vogliono testimoniare, oltre alla storia della produzione dell’energia elettrica in Trentino e la cronologia della presenza degli impianti, anche