di Riccardo Decarli Per oltre sessant’anni Gadler girò i monti trentini, salì le più belle cime di Europa, si dedicò allo scialpinismo e alla sua promozione, assunse incarichi dirigenziali nella SAT e compilò una fortunata serie di guide escursionistiche che lo resero noto a tutti i trentini (e non solo)